Domande frequenti sulle casette dell'acqua

Dove e come conservare l’acqua? In contenitori adeguatamente puliti, al fresco e al riparo dal sole.

È preferibile il contenitore in vetro o in plastica? Il vetro è consigliabile perché facilmente lavabile ed utilizzabile all’infinito. Per le bottiglie in plastica si consiglia un frequente ricambio.

Per quanto tempo si può conservare l’acqua in bottiglia? Sebbene non esistano delle regole specifiche a riguardo, osservando le indicazioni sopra esposte si consiglia di non conservare l’acqua per lunghi periodi, preferibilmente non oltre una settimana.

L’acqua è resa fredda nell’intero arco dell’anno? Sì, l’acqua è erogata a circa 8-10 gradi, con leggere differenze di temperatura che si possono avere nella stagione più calda.

Se per i miei gusti l’acqua è troppo gassata come posso fare? È possibile riempire una bottiglia con il 50% di acqua gassata e il rimanente 50% con l’acqua naturale.

 

Vengono alterate le caratteristiche chimiche dell’acqua? No, periodicamente vengono effettuate delle apposite analisi di verifica perché ciò non avvenga.

Che trattamenti vengono effettuati all’acqua? L’acqua viene microfiltrata, declorata, sterilizzata con appositi filtri UV e raffreddata. Al momento dell’erogazione l’acqua è resa naturale o frizzante secondo le necessità.

Quali controlli vengono eseguiti sull’acqua? Le analisi batteriologiche a monte e a valle dell’impianto.

C’è acqua stagnante nella casetta? No, l’acqua viene prelevata direttamente dall’acquedotto al momento dell’erogazione. In assenza di erogazioni di acqua, ogni sessanta minuti la casetta fa defluire all’esterno la poca acqua rimasta ferma nei raccordi interni alla struttura.

Quando vengono sostituiti i filtri di cui è dotata la casetta dell’acqua? Ogni 30.000 litri erogati o prima se si rende necessario.

Come è gestita la sicurezza dell’impianto? È presente un impianto di videosorveglianza esterna ed interna ed inoltre la casetta è dotata di allarme. In caso di effrazione della porta di servizio la casetta blocca l’erogazione dell’acqua avvisando immediatamente l’assistenza tecnica.

Come essere certi che l’assistenza è costante e puntuale? Tutte le casette Aqvagold sono monitorate da un servizio di telemetria garantendo in tal modo efficienza, sicurezza e rapidità d’intervento.

 

L’acqua è a pagamento? Sì, costa 4 centesimi di Euro al litro, sia naturale sia gasata. I costi sono esposti anche sulla casetta in prossimità dei sistemi di pagamento.

Funziona sia con monete che con tessere? Sì, le monete accettate sono in tagli da: 5, 10, 20, 50 € cent, oltre a 1 e 2 €.

La casetta dell’acqua dà il resto? Non è prevista l’erogazione del resto, l’utilizzo della tessera risolve al meglio questa esigenza.

Dove acquistare le tessere?  Sulle casette sono presenti due pannelli con le opportune indicazioni.

Le tessere sono nominative? No, in caso di smarrimento non è possibile risalire al possessore.

Dove posso ricaricare la tessera? Direttamente presso la casetta, le monete accettate sono in tagli da: 5, 10, 20, 50 centesimi oltre a 1 e 2 €, è possibile utilizzare anche le banconote da 5 e 10 €.

Il credito sulla tessera ha un tempo limite, una scadenza? No, la tessera e il credito non hanno scadenze.

La tessera è smagnetizzabile? No, la tecnologia in uso esclude questo inconveniente.

É possibile forare la tessera per agganciarla ad un portachiavi o per altri motivi personali? No, non è possibile, la tecnologia presente nella tessera verrebbe danneggiata irrimediabilmente rendendo la tessera inutilizzabile.

La tessera è valida su tutte le casette Aqvagold? Sì, è inoltre possibile ricaricare e utilizzare la tessera presso tutte le casette Aqvagold, si veda l’ubicazione nell’apposita sezione in www.aqvagold.it

 

Se ho domande particolari a chi mi devo rivolgere? Tramite il sito www.aqvagold.it oppure è disponibile il numero di telefono 0341.682000. L’utilizzo del sito è preferibile perché le richieste sono automaticamente smistate.

 

 

Ultimo aggiornamento: Sat Jul 09 11:29:10 CEST 2016

Pagine collegate

Chiedilo all'URP