Dispersione delle ceneri

Cos’è

La dispersione delle ceneri è consentita, nel rispetto della volontà del defunto, unicamente in aree a ciò appositamente destinate all'interno dei cimiteri o in natura o in aree private; la dispersione in aree private deve avvenire all'aperto e con il consenso dei proprietari, e non può comunque dare luogo ad attività aventi fini di lucro; la dispersione delle ceneri è in ogni caso vietata nei centri abitati; la dispersione in mare, nei laghi e nei fiumi è consentita nei tratti liberi da natanti e da manufatti.

La dispersione delle ceneri è eseguita dal coniuge o da altro familiare avente diritto, dall'esecutore testamentario o dal rappresentante legale dell'associazione cui il defunto risultava iscritto o, in mancanza, dal personale autorizzato dal comune.

 

Chi la può richiedere

L'autorizzazione alla dispersione è concessa nel rispetto della volontà espressa dal defunto attraverso una delle seguenti modalità:

1) la disposizione testamentaria del defunto resa davanti ad un Notaio;

2) l'iscrizione, certificata dal rappresentante legale, ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati. L'iscrizione alle associazioni vale anche contro il parere dei familiari;

3) testamento olografo che successivamente al decesso andrà registrato e  pubblicato da un notaio;

4) in mancanza di volontà espressa in vita dal defunto in forma scritta, ma solo orale, è possibile procedere alla dispersione delle ceneri con:
- dichiarazione sottoscritta dal coniuge  davanti all’ufficiale dello Stato Civile;
in assenza del coniuge:
- dichiarazione sottoscritta davanti all’Ufficiale dello Stato Civile dal parente più prossimo (individuato ai sensi degli artt. 74 e seguenti del Codice Civile) e, nel caso di concorso di più parenti dello stesso grado, dalla maggioranza di essi.

 

 

Come si fa

I parenti si recheranno presso l’ufficio di Stato Civile per presentare istanza di Autorizzazione alla cremazione e dispersione delle ceneri del proprio familiare, indicando, se non presente nella dichiarazione resa dal defunto nelle forme sopra specificate,  la scelta precisa del luogo dove dovrà effettuarsi la dispersione. L’impresa incaricata di svolgere il servizio funebre potrà, su delega, svolgere per conto dei familiari tutte le formalità burocratiche. La persona incaricata della dispersione dovrà recarsi presso l’Ufficio di Stato Civile per sottoscrivere il documento in cui si impegna ad effettuare la dispersione secondo i termini e le modalità di legge (entro 30 giorni dalla consegna dell’Urna).

 

Quanto costa

Per l'istruttoria in Comune di Como vanno fornite 2 marche da bollo (una per l'istanza e una per l'autorizzazione).

A queste spese vanno aggiunti i costi previsti per il forno che effettuerà la cremazione ed eventuali diritti da pagare al Comune sul cui territorio verranno disperse le ceneri: sarà premura dell’incaricato alla dispersione informarsi sulle prescrizioni locali.

 

Ultimo aggiornamento: 25 March 2019

Pagine collegate

Chiedilo all'URP